Area aperta all'approfondimento dei contenuti degli album incisi da Mango in carriera, da "La mia ragazza è un gran caldo" fino a “L'amore è invisibile”.
3 messaggi Pagina 1 di 1
Questo doppio cd dal vivo può piacere o non piacere, molto dipende dallo stato d'animo di ognuno di noi e dalle sensazioni che ogni brano ,sia del passato che del presente, suscitano dentro.
Premesso che è un cd da ascoltare rigorosamente in cuffia, io ci ho scoperto delle sonorità nuovissime...è vero un pò mi manca L'albero delle fate, il Ti amo così, ma rispolverare con una voce nuova e matura alcuni brani del passato e porre l'attenzione su cover preziose scelte tra le più rare mi lasciano capire quanto importante sia stato per Mango questo ultimo tour nei teatri...
Ma volevo porre la mia riflessione su Chissà dove te ne vai, un brano che pur essendo una cover di Gaber lo considero un puro "inedito" di Pino.
L'ascolto di questo, nell'assoluto silenzio è qualcosa di unico, la voce di Pino e la chitarra di de Bei: un solo strumento...
...e si che la voce è lo strumento musicale per eccellenza ma nel finale di questo brano la voce di Pino diventa una cosa sola con la chitarra, non so spiegarlo, è fantastico, i suoi "gorgheggi" (perdonatemi, sicuramente non si chiamano così tecnicamente), sono così naturali che mi trascinano l'anima ed è prorpio questo suo modo di cantare che lo rende grande e il suo amore e la sua passione ce le trasmettte tutte....

che faccio ,ti dico nuovamente GRAZIE?????

Amedea :wink:
Ma volevo porre la mia riflessione su Chissà dove te ne vai, un brano che pur essendo una cover di Gaber lo considero un puro "inedito" di Pino.
L'ascolto di questo, nell'assoluto silenzio è qualcosa di unico, la voce di Pino e la chitarra di de Bei: un solo strumento...
...e si che la voce è lo strumento musicale per eccellenza ma nel finale di questo brano la voce di Pino diventa una cosa sola con la chitarra, non so spiegarlo, è fantastico, i suoi "gorgheggi" (perdonatemi, sicuramente non si chiamano così tecnicamente), sono così naturali che mi trascinano l'anima ed è prorpio questo suo modo di cantare che lo rende grande e il suo amore e la sua passione ce le trasmettte tutte..

Grazie Amedea, hai aperto una bellissima finestra, su un brano che è bellissimo!!!
In effetti, anch'io sento che la voce di Pino si lascia trascinare dalla ritmica sincopata della chitarra, che ricorda quella brasiliana, attraverso virtuosi vocalismi.
Chapeau!

Patti

proprio su questo brano Pino si è soffermato su come le parole di questa canzone sappiano esprimere così con semplicità una forma profonda d'amore e come chi arrivi a dire tanto abbia raggiunto l'apice del dire....
3 messaggi Pagina 1 di 1

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron