Riflessioni, emozioni e punti di vista: come la musica, la poesia e il pensiero di Mango arricchiscono il quotidiano dei fans.
43 messaggi Pagina 3 di 3

oggi i miei occhi hanno incontrato Tagore,a voi queste sue parole.......


Oggi l'estate è venuta
alla mia finestra
con i suoi sussulti e sospiri
le api fanno i menestrelli
alla corte del boshetto in fiore.

Ora è il tempo di sedere tranquilli
a faccia a faccia con te
e di cantare la consacrazione
della mia vita
in questa calma straripante e silenziosa.


antonella
io sono più terra terra di voi estimadi colleghi, indi per cui ero a vedermi e sentirmi le Cover di bella d 'estate , beh... a mio avviso ci beccano più (apparte i neri per caso MA previa partecipazione di Lui..) gli Spagnoli con Flor de Verano, apparte Ander che nn mi fa impazzire , (ma è molto ritmico) ora ho trovato Flora, versione di una Lei Molto Summer e con una voce in alcuni passagg accativante.

W noi!
F.

Ripercorrendo a ritroso queste pagine che sanno di oceano, ho ritrovato delle preziose parole del nostro caro Pino e voglio riportarle qui perchè è bello sempre rileggerle...

"...per chi ha bisogno d’un amico che ha voglia d’un amico, per un soldato che ha voglia di pace, per una donna che ha volontà di partorire il proprio orizzonte solo dinanzi a un contatto diretto con l’immensità del suo mare quotidiano, per chi ama la fantasia, per chi ha bisogno dell’”Albero delle fate...

Volevo condividere con voi queste bellissime parole e...grazie Pino!

Amedea :wink:

Oggi i miei pensieri piovono a dirotto,
senza una direzione precisa,
senza sapersi acquietare sul selciato,
senza trovare un ombrello che li ripari.
Chissà perchè un evento doloroso ti sconvolge più degli altri: ci sarà una logica, un perchè nascosto, una spiegazione razionale. O forse no.
Forse stamattina il sole caldo mi ispirava gioia e riposo, vacanze e risate, con i soliti "ora potrò finalmente mettere a posto nell'armadio, ora potrò sistemare quintali di carte sparse per casa..."
E invece un colpo al cuore ha frantumato castelli e progetti immediati: una giovane vita ha lasciato la terra, e una lacrima di sale ha lasciato i miei occhi.

Non lo conoscevo di persona, nè mi pare di aver visto mai un suo film, e non sono una frequentatrice del salotto del Grande Fratello...eppure il pensiero di due occhi che non hanno più futuro da vedere non mi abbandona.

E i pensieri vagano scomposti.

Perchè tanto affanno per cose di poco conto?
Perchè conservare nel cuore rancori e risentimenti?
Perchè tralasciare il senso profondo delle cose per inseguire l'effimero?
Perchè lasciarsi affascinare dalla mediocrità?

La Vita non concede repliche come la TV nei periodi estivi, e la fotocopiatrice del tempo non è stata ancora inventata.
Sprecare il tempo che ci è stato concesso è peccato mortale.
E la penitenza è molto pesante.

Annapaola

E' strano come oggi, dopo molto tempo di assenza anche solo passiva da queste pagine blu, abbia riaperto questa finestra, come quasi sapendo di poter incontrare la voce e le parole a un sentire che, trafitto il cuore, manca le labbra.
Lo stesso senso di vertigine, di picchiata ad un volo che si arresta bruscamente nonostante il sole, l'estate, il caldo tengano viva questa giornata... sempre e comunque... al di là di "noi"...
Sarebbe bello ora riuscire a fare mia quell'idea di eternità -ma non verità - che tanto spesso ho cantato sorridente, sognate, vibrando di ogni nota: "Non moriremo mai, il senso è tutto qui"...
Ma qui appesa ad un tramonto, l'ennesimo sipario che si chiude e pur si sa che lo spettacolo non è mai compiuto, mi manca la voce e vedo il non-senso di tanto nostro fare, dire, rinunciare, non osare, ferire e feririci ...
Anna, hai trovato parole che oggi non ho ... grazie ...

Anch'io torno dopo qualche giorno di assenza e lascio un pensiero.
Mi è dispiaciuto molto della morte di Pietro Taricone, era simpatico... quando l'ho saputo ho detto una preghiera per lui e una per la sua famiglia.
Ma non mi è venuto di fare tante considerazioni sulla vita perché lo so bene che si può morire da un giorno all'altro, non volerci pensare non serve a niente, serve solo a meravigliarsi ogni volta che muore qualcuno.
Comprendo il dolore, ma dovremmo pensare più spesso che non siamo di questo mondo, dovremmo pensare più spesso alla morte per vivere bene questo poco tempo che ci è stato concesso.
Se ci fermiamo a questa vita non lo troveremo mai il senso della vita...
Ciao a tutti!

Sono proprio d'accordo con te...sprecare il tempo concesso è peccato mortale... a volte,anzi molto spesso ce ne dimentichiamo fagocitati da questa vita in corsa....allora fermiamoci e riflettiamo....e speriamo che giovi.
un saluto.

E crescendo impari che la felicità non e' quella delle grandi cose.
Non e' quella che si insegue a vent'anni, quando, come gladiatori si combatte il mondo per uscirne vittoriosi...
La felicità non e' quella che affanosamente si insegue credendo che l'amore sia tutto o niente,...
non e' quella delle emozioni forti che fanno il "botto" e che esplodono fuori con tuoni spettacolari...,
la felicità non e' quella di grattacieli da scalare, di sfide da vincere mettendosi continuamente alla prova.
Crescendo impari che la felicità e' fatta di cose piccole ma preziose....
...e impari che il profumo del caffe' al mattino e' un piccolo rituale di felicità, che bastano le note di una canzone, le sensazioni di un libro dai colori che scaldano il cuore, che bastano gli aromi di una cucina, la poesia dei pittori della felicità, che basta il muso del tuo gatto o del tuo cane per sentire una felicità lieve.
E impari che la felicità e' fatta di emozioni in punta di piedi, di piccole esplosioni che in sordina allargano il cuore, che le stelle ti possono commuovere e il sole far brillare gli occhi,
e impari che un campo di girasoli sa illuminarti il volto, che il profumo della primavera ti sveglia dall'inverno, e che sederti a leggere all'ombra di un albero rilassa e libera i pensieri.

E impari che l'amore e' fatto di sensazioni delicate, di piccole scintille allo stomaco, di presenze vicine anche se lontane, e impari che il tempo si dilata e che quei 5 minuti sono preziosi e lunghi più di tante ore,
e impari che basta chiudere gli occhi, accendere i sensi, sfornellare in cucina, leggere una poesia, scrivere su un libro o guardare una foto per annullare il tempo e le distanze ed essere con chi ami.

E impari che sentire una voce al telefono, ricevere un messaggio inaspettato, sono piccolo attimi felici.
E impari ad avere, nel cassetto e nel cuore, sogni piccoli ma preziosi.

E impari che tenere in braccio un bimbo e' una deliziosa felicità.
E impari che i regali più grandi sono quelli che parlano delle persone che ami...
E impari che c'e' felicità anche in quella urgenza di scrivere su un foglio i tuoi pensieri, che c'e' qualcosa di amaramente felice anche nella malinconia.

E impari che nonostante le tue difese,
nonostante il tuo volere o il tuo destino,
in ogni gabbiano che vola c'e' nel cuore un piccolo-grande
Jonathan Livingston.
E impari quanto sia bella e grandiosa la semplicità.


aninimo si,ma oggi quel sentire è diventato anche il mio....


antonella

...grazie infinite, Antonella.

Leggendo queste parole ho tirato un bel sospiro e la mia mente e il mio cuore si sono riempiti di serenità... perchè la felicità è nelle piccole cose...

Amedea

ciao Amedea.....sono rabdomante in questo periodo.....e gli occhi cercano, con una sete nel cuore,parole....ma una grande piccola sete mi porta sempre qui:fonte di un sentiero .....

e così ci ritroviamo qui, come davanti a un fuoco su una spiaggia d'estate, a cercare il calore di una canzone, quella che conosciamo tutti e che desideriamo intonare a gran voce.... o solo sussurrare: quella del cuore...
Ci ritroviamo qui quando l'anima corre veloce in cerca d'aria, o quando il respiro si incammina a passi lenti come a voler lasciare solo orme lievi, passeggere come quella malinconia che ci turba dentro...
Ci ritroviamo qui, a cibarci di parole... le tue... che sono le mie... le nostre... che sono un pò di tutti noi...
Come sempre aleggiare qui, impalpabile, su queste pagine blu è un sorprendersi ogni volta... e ogni volta riprendere il volo...

in questo tempo di equilibri persi,equilibri da ritrovare
circondati da vibrazioni strane e da silenzi da colmare di spiritualità...mi ha colpito le parole di fiorella mannoia del suo ultimissimo lavoro
Se veramente Dio esisti

Signore mio, dacci un santo, un artista,
padreterno che vinca la morte
oltre la fatica e la sorte,
allungare la vista oltre le porte
per vedere la luna e pure Marte.

Signore mio, dacci un parere
per quando ci vogliono interrogare
in tempo di pace e di sonno,
che ci faccia star bene
e per continuare in tempo di guerra
magari a campare.

Se veramente Dio esisti,
se sei quello dei giorni tristi
oppure quello degli inni alla gioia,
fai che sia vita la nostra,
una vita senza la noia.

Senza la pena di queste giostre
le mie, le loro, le vostre,
per quando ci mettono nelle liste
e ci vogliono sparare
e voi la mira gli dovete sbagliare.

E’ una femmina che sappia inciarmare per noi,
se ci vengono a cercare;
diteci a chi dobbiamo votare
e ’sta robba dove si deve buttare;
fateci fare un poco di mare.

Se veramente Dio esisti,
se sei quello dei giorni tristi
oppure quello degli inni alla gioia,
che sia vita la nostra,
una vita senza la noia.

Se veramente Dio esisti,
se sei quello dei giorni tristi
oppure quello degli inni alla gioia,
che sia vita la nostra,
una vita senza la noia.

Signore mio, dacci un santo, un artista,
padreterno che vinca la morte
oltre la fatica e la sorte,
che ci faccia allungare la vista oltre le porte
per vedere la luna e pure Marte.

Signore mio, dacci un parere
per quando ci vogliono interrogare
in tempo di pace e di sonno,
che ci faccia star bene
e per continuare in tempo di guerra
magari a campare.

Se veramente Dio esisti,
se sei quello dei giorni tristi
oppure quello degli inni alla gioia,
che sia vita la nostra,
una vita senza la noia.

Se veramente Dio esisti,
se sei quello dei giorni tristi
oppure quello degli inni alla gioia,
che sia vita la nostra,
una vita senza la noia.

Una vita senza la noia,
Una vita senza la noia,
Una vita piena di gioia.

.................................................................
antonella

L'ho sentita interpretata dal vivo da Fiorella in concerto all'Arena di Verona... colpisce davvero... Grazie Antonella per questi spunti che ci offri
43 messaggi Pagina 3 di 3

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron