Riflessioni, emozioni e punti di vista: come la musica, la poesia e il pensiero di Mango arricchiscono il quotidiano dei fans.
5 messaggi Pagina 1 di 1
"L'arte dell'incontro", di Maurizio Fabrizio e Katia Astarita al Teatro Vittoria di Roma, lunedì 7 ottobre, ha avuto come ospite Pino e tutti noi fans presenti, eravamo curiosi di scoprire come si sarebbe svolto questo incontro, al di là dei brani che Pino avrebbe eseguito!
Sapevo che Maurizio Fabrizio era un famoso autore di tanti bellissimi brani, mentre non conoscevo Katia Astarita, ho letto poi del suo aver studiato recitazione e lavorato anche come attrice e questo spiega il suo modo di interpretare le canzoni non solo con una bellissima voce, ma anche con una gestualità particolare che sottolinea ogni passaggio dei brani interpretati, è veramente bravissima!
Durante tutta la prima parte della serata, lei e Maurizio Fabrizio (lui voce e chitarra), con Luigi Cappellotto al basso, Ellade Bandini alla batteria e Emiliano Begni al pianoforte, hanno riproposto tanti brani famosi di artisti coi quali Maurizio ha collaborato e fra un brano e l'altro, ha raccontato aneddoti legati alla nascita di un determinato brano o curiosità legate alle varie collaborazioni durante la sua carriera.
Fra tutti, posso dire che il brano che mi ha emozionata di più è quello che da il titolo all'album di Maurizio Fabrizio e Katia Astarita, "Bella la vita", che fu interpretato da Toquinho.
Poi a un certo punto, il momento da noi tanto atteso, Maurizio ha presentato Pino, che è entrato da un lato del palco quasi "timidamente" ed è rimasto fermo lì per qualche istante prima di andare al centro del palco per salutare il pubblico e poi al pianoforte per eseguire "Oro"! Ad accompagnare Pino c'erano Carlo De Bei e Rocco Petruzzi, mentre fra un brano e l'altro, Pino ha raccontato, insieme a Maurizio, varie curiosità su brani da lui cantati o sugli inizi della sua carriera, quando era molto giovane e muoveva i primi passi nel mondo della musica e gli inizi non erano stati facili.
Ma tutto questo con molto umorismo e battute scherzose e si notava la differenza fra Pino e Maurizio che è molto serio e professionale nell'esporre le cose, infatti a un certo punto Pino scherzosamente gli ha detto che sembra un professore da quanto è serio!!
Così, fra una canzone, un aneddoto e battute scherzose col pubblico, oltre alla già citata "Oro", ha eseguito anche"La stagione dell'amore", "I migliori anni della nostra vita", "Il rifugio", "Mediterraneo", una parte di "Lei verrà" al pianoforte e ha chiuso con "La rondine"!
Noi naturalmente cantavamo con lui come ai concerti, ho notato che Maurizio Fabrizio ci guardava sorridendo mentre cantavamo e Katia Astarita seguiva con emozione tutte le canzoni proposte da Pino e Katia ha anche letto una poesia che farà parte del prossimo libro di Pino, interpretandola splendidamente a mio parere, è stata bravissima, anche se sarebbe stato bello sentirla leggere dallo stesso Pino....
Il tempo riservato a Pino è volato, come sempre, è sembrato un attimo, seppure molto intenso e pieno di emozioni, ma è passato troppo in fretta, saremmo andati avanti tutta la notte a cantare, ma è stata comunque una bellissima serata, una nuova esperienza di non cantare o suonare solo la musica ma raccontarla attraverso le varie esperienze legate ad essa.
Dopo che Pino è andato via dal palco, Katia Astarita ha detto che prima tutti loro, insieme con quello che stavano facendo, erano come un'unica cosa, è vero, la musica unisce ed ha unito anche noi nell'essere presenti lì tutti insieme da varie parti d'Italia oltre che dai fans del posto, anche io lì ho avuto l'impressione che fossimo come una cosa sola in quel momento, le emozioni ci tenevano uniti ed era una sensazione bellissima che si prova anche ai concerti!
Alla fine, dopo lo spettacolo, quando ormai stavamo perdendo le speranze, l'incontro con Pino, ci hanno permesso di entrare da una porta secondaria e siamo entrati tutti ed eravamo un bel gruppetto, per un breve saluto, oppure foto o autografi, era presente anche Laura, la moglie di Pino e c'era anche qualcuno che per la prima volta aveva questa opportunità ed era particolarmente emozionato nel realizzare questo desiderio! Bisogna ringraziare per questo, come scrivo sempre, ogni volta che ci viene data questa opportunità, è un bellissimo regalo, una gioia immensa...
Così, anche questo giorno che avevamo atteso con tanta trepidazione è andato via in un attimo, ma restano, oltre le emozioni provate grazie a Pino, anche i bei momenti fra noi, che già mi mancano e che spero di poter rivivere ancora!!
Pino, grazie per tutte queste emozioni che ci regali ogni volta sempre di più e che sono diventate indispensabili.....
Dany
Grazie Dany per questo resoconto ricco di particolari sensazioni ed emozioni forti che speriamo di rivivere
quanto prima.
Il momento che attraversiamo è davvero difficile per tanti motivi: un momdo che va a pezzi dove l'oltraggio
all'umana esistenza è consumato ogni giorno . La violenza , la competizione ad ogni costo volta ad ottenere i
più squallidi privilegi , ha relegato i valori morali a insignificanti retoriche confinati ai margini dell'anima
per chi ancora ce l'ha ! Ciò che accade nelle nostre coste del sud e lo stupro della terra di Campania sono
i delitti più recenti dell'umana inettitudine (per essere buoni !) che individui senza scrupoli hanno perpetrato
senza rispetto di donne....di bimbi...della stessa vita.

La musica unisce è vero .Mango è stato forse "profeta e veggente" in questo con una sua canzone (FRANCESCO)
che ha annunciato la speranza in una rinascita dei veri valori del vivere e del condividere.
Ancora grazie.
sfera
Grazie Dany, hai una straordinaria capacità di raccontare trasmettendo a chi legge le tue emozioni...
Leggendo questo resoconto ripenso con un po' di nostalgia ai "miei" concerti del passato, ai viaggi su e giù per l'Italia con l'entusiasmo alle stelle e con il desiderio di vivere sempre nuove emozioni, con la speranza di poter scambiare due parole con Pino, con la speranza di potergli dare un abbraccio...
Purtroppo le cose cambiano e in poco tempo la vita può venire stravolta da situazioni impreviste, difficoltà e problemi...
a causa di tutto questo sono passati ormai due anni dall'ultimo concerto che ho visto, mi sembra un secolo!
Ma è bello sapere che c'è un'amica che ti racconta tutto e che ti vuol rendere partecipe, magari portando i saluti a Pino, è un po' come essere lì. Grazie di cuore, Dany!
Cinzia
Grazie Cinzia, come sai anche io ho avuto periodi non facili in cui ho dovuto rinunciare a tante cose e però per fortuna c'erano gli amici che mi facevano comunque sentire presente in qualche modo, ora sono io a farlo quando mi è possibile, mi sembra il minimo...
Sfera, è vero, purtroppo stanno succedendo tante cose negative che fanno veramente rabbrividire, tanti valori andrebbero recuperati e rivalutati, la musica di Pino nel nostro caso, ci aiuta a condividere emozioni ed esperienze positive, che rendono più vivibile il nostro quotidiano.
Anche questo forum andrebbe un pò rivalutato, certo, ora c'è fb che è un eccezionale strumento di comunicazione, ma non bisogna dimenticare che anche da qui sono nate tante situazioni e anche tante amicizie che si sono sviluppate nel tempo e rimane sempre un punto di riferimento perchè raccoglie ricordi, racconti, esperienze ed emozioni di tanti anni.
Dany
Condivido quanto dici. L'importante è esserci e trovare il modo per stare uniti.
Io personalmente non ho niente contro fb ma, sarà un mio limite forse, però
rinuncio molto volentieri alla frequentazione dei socialnetwork senza distinzione.
Ne vedo quotidianamente troppe perciò non diventerò mai "strumento" di
una strumentazione. Mi spiace, non sono mai stato iscritto e non lo farò mai.
saluti,
sfera
5 messaggi Pagina 1 di 1

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron