Settore in cui ci si incontra per rievocare i particolari tecnici e musicali, le emozioni e le suggestioni vissute nelle tournèe del passato.
66 messaggi Pagina 3 di 5

Il mio primo concerto di MANGO vicino casa, in piazza, e io "imbottita"di lexotan...ero terrorizzata per l'emozione!Che palpitazioni!E la notte non sono riusciuta a chiudere occhio,ci sono voluti giorni e giorni prima che mi riprendessi...ma quando mi sono ripresa avrei voluto riniziare!!!! :wink:
Loredana

Il mio primo concerto di Pino fu nell'estate dell'88 o dell'89, non ricordo con esattezza. Io mi trovavo in vacanza in Puglia e lui cantava in una cittadina in provincia di Foggia. Il ricordo che ho è molto vago perché arrivai un po' tardi, c'era già molta gente ed io riuscii a trovare posto nelle prime file, ma lateralmente. Inutile dire che l'emozione più grande fu sentire per la prima volta la sua voce dal vivo. Da morire.
La cosa più grave è che io ho un ricordo vago anche degli ultimi concerti, spesso non riesco a ricordare neanche tutte le canzoni che Pino ha cantato.
Ma lo so il motivo. Io, specialmente nelle emozioni, amo la massima lentezza, invece in un concerto di Pino, in un paio d'ore si accavallano miliardi di emozioni, un oceano di emozioni che mi travolgono, le emozioni sono così concentrate da disorientarmi.
Inoltre, arrivo sempre al giorno del concerto con un'ansia tale da non dormire mai la notte precedente (e neanche la seguente) e perciò non riesco ad assaporare appieno con lucidità tutta la magia del concerto.
Per questo chiedo sempre a Pino di fare un DVD, perché un concerto io ho bisogno di rivederlo mille volte, per poter osservare ogni minimo particolare, per poter meditare su ogni singola parola che viene detta da Pino e per poter rivivere all'infinito tutti quei miliardi di emozioni scivolate via troppo in fretta.
Speriamo che prima o poi...
Cinzia

...il mio primo concerto sarà proprio questo del 13 luglio...che BELLO! :D

Il nostro primo concerto è stato tre anni fa, appena sposati, il 25 luglio 2003, a Roma al Villaggio Italia dell'Estate Romana :D ... particolare, indimenticabile, con tutte le splendide canzoni di Disincanto e l'inedito gioiellino "Non è il cuore"... il 13 luglio prossimo a Ostia sarà solo il nostro quinto concerto, dopo essere passati anche per Caserta (set 03), Cisterna di Latina (ago 04), Roma Auditorium (dic 04) + il meraviglioso raduno di Napoli (mag 05)...
Max (& Laura) :wink:

E' stato bellissimo....il 2/12/04....al palapartenope
qui a napoli.......anche perchè lì per la prima volta l'ho conosciuto
di persona!!!!!
Che bello ricordare questo evento.....grazie Fabio....
.....vorrei anche esprimere le mie emozioni....ma nn
riuscirei mai a farvi capire realmente cosa ho provato!!!
Sarebbe inutile.....ma sono emozioni che stanno nel mio
cuore e niente potrà mai cancellarle!!!

BACI BACI :oops: :oops: :oops:

E chi se la ricorda più la data del primissimo conerto di Pino che ho visto..Avevo circa sette anni quindi doveva essere il 1989 e penso che fu in provincia della mi città, se non erro a Giardinello.
La patita di Pino era allora mia madre che aspettò la sua macchina e successe una cosa davvero carina :oops: :oops: scambiò Armando per Pinoe gli strappò quasi la maglia..io scoppiai a ridere..
Inoltre ricoro che cantò "Mia Madre" una canzone stupenda dedicata alla sua cara mamma..e io scioccai..
Ecco fu da quel momento che mi innamorai della sua musica e di lui.. :wink: ..

Si Claudia......era Giardinello, ed era l'89 ed io avevo 18 anni! Ricordi, quindi, quando andò via la luce e il prete del paese salì sul palco per rincuorare il nostro demoralizzato dall'accaduto?........giusto a lui, perfezionista com'è!
Avevo rimosso quest'episodio! Erano brave le coriste......ricordo ancora come si muovevavo a tempo di ferro e fuoco :lol: ......e ricordo anche il nome delle coriste; una è (canta ancora) Emanuela Cortese, l'altra Betty e qualcosa :lol: ............mica posso ricordare tutto! Ah, stavo dimenticando il Nome del bassista: Flavio Scopax che ha poi suonato con Ramazzotti!.........e poi cos'altro?? Mi pare basti così! Ah, si! Io indossavo dei......... :lol: 8) scherzavo!
Grazie Claudia per avermi riportato indietro nel tempo!!! :wink:
Francescaflashback!

Ciao a tutti,dopo un lungo periodo d'assenza rieccomi.Anke se Pino lo conoscevo già ma non ero mai stato ai suoi concerti,cosa dire del suo primo concerto:una libidine,anke se son passati 20 anni è come se fosse oggi,un'emozione grandissima avevo un nodo alla gola ke quasi non riuscivo più a cantare(un modo di dire sono più stonato di una campana) con lui.Quello più sudato è quello di 12 o 13 anni fà a Novara:ero a Novara per lavoro,un giorno vedo tappezzato di manifesti del concerto di Pino,allora subito alla ricerca del biglietto,ormai biglietto in tasca ki si dimenticava più ora del concerto e dove si esibiva(palasport)distava circa una mezzoretta da dove abitavo,finito di lavorare,rientro a casa doccia ceno presto e m'incammino per arrivare al palasport,arrivo lì tutto spento,ho iniziato a sudar freddo e pensavo non ho sbagliato giorno,nel frattempo passa un signore e gli chiedo se sapeva qualcosa del concerto e lui mi risponde:è stato spostato al Teatro Coccia,era proprio in centro, a 5 minuti da casa,ormai era quasi ora ke inziava il concerto non potevo perderlo,dalla mezzora ke ci ho messo per arrivare al palasport,ci ho messo 10 minuti per arrivare al Teatro,sono arrivato stremato ma n'è valsa la pena, è stato incantevole.Un'abbraccio a tutti e a presto Vincent

Io ricordo perfettamente come fosse ieri il primo ed unico concerto di mango alla quale ho assistito.....era il 15 diembre 2004 al palasport di acireale...aspettavo impaziente questo giorno e quando arrivo' ero entusiasta e pure incredula che finalmente sarei riuscita a vedere il mio mito dal vivo...la mattina cm sempre a scuola nn feci altro ke parlare tutto il tempo del concerto cn i miei compagni mi presero anke x pazza ma ero talmente euforica ke nn riuscivo a nn parlare di altro.....i miei compagni ascoltavano ascoltavano ma nn gliene fragava nt anke xke a loro nn interessa qst tipo di musica loro seguono "la moda".....tornata a casa il mio pensiero era sempre lo stesso e fin dal primo pomeriggio iniziai a scgliere i vestiti anke se nn erano importanti l'importante era esserci....mi lavai mi vestii e seduta ad una sedia aspettai aspettai in silenzio pensando alla serata.....arrivo' l'ora e verso le 8 e trenta di sera iniziai ad andare insieme a mia madre al palasport nn c'era fretta anke xke il posto era riservato in 5 fila x noi....durante l'attesa conoscemmo nuove persone ke ci raccontarono la loro passione per pino ed io entusiasta raccontavo loro lo stesso.....tremavo come una foglia ero troppo agitata nn ce la facevo proprio a stare ferma.....le luci si spensero e vidi entrare in scena pino ke inizio' a suonare al piano io ti vorrei parlare ero troppo commossa avevo le lacrime agli occhi......passai tutta la serata cantando tutte le canzoni l'atmosfera era molto calma...vicino a me c'era seduta una signora un po' anziana e mi guardava stupita sorridendo forse era rimasta stupita da cm una ragazza cosi' piccola sapesse a memoria tutte le canzoni....il concerto ando' benissimo canto' tante canzoni del suo repertorio e molte di quelle dell'album ti porto in africa...poi lesse i cartelloni dei fans e fece i suoi discorsi al pubblico....nel frattempo mia madre faceva foto ed i soliti addetti le impedivano di farle ma mia madre continuo' imperterrita ahahahaha poi cn il telefonino fece altrettanti video....ahaha...alla fine del concerto eravamo tutti sotto il palco io corsi proprio sotto al palco e quando pino diede la mano ai fans la diede anke a me c'era mia madre impazzita che urlava pino pino la mano alla bambina ahaahhahahhahaa.....io ero morta in quel momento nn ci credevo nn riuscivo a credere ke anke solo x un secondo avevo sfiorato la mano di pino......dopo scomparve e tutti ad urlare "fuori fuori fuori"....ricomparve canto altre canzoni tra cui oro australia e fece il biss di tutto l'amore che conta davvero....poi ci congedo'.....abbracciai mia madre fortissimo e aspettammo un po' ke lui magari uscisse....cosi' nn fu....e mia madre decise di andare anke se io volevo ancora rimanere....dopo alcuni giorni ci giunse la notizia che lui era uscito dopo un'ora appena saputa la notizia ero dispiaciuta in maniera pazzesca nn riuscivo a credere ke io potevo essere li ed incontrarlo ero scoraggiata ma felice che cmq ero riuscita a vedere lo stesso pino....spero in un concerto futuro di avere l'opportunita' di incontrarlo davvero :wink:
Immagine
tra il fogliame la luna rischiarami...ti amo così



un bacio
Anna

Eccoci quà!
Provo una grande emozione a raccontare l'esperienza del mio primo concerto di Pino perchè i ricordi riaffiorano così vivi nella mia mente che quasi mi sembra di rivivere quel sogno!
Correva l'anno 2000 e quando avevo saputo che il tour di VISTO COSI' comprendeva anche la città di Cagliari, avevo fatto salti di gioia!
Finalmente avrei potuto vedere Pino!
Insieme ai miei carissimi amici Susy e Nino (con i quali ho sempre condiviso la passione per la musica di Mango), abbiamo iniziato a visitare con una frequenza sempre crescente il box-office per sapere quando sarebbero arrivati i biglietti. Alla fine quando ci siamo ritrovati tra le mani i tanti sospirati biglietti, è stato un momento stupendo, mi sembrava di aver raggiunto non so quale impresa.
Da lì alla fatidica data del concerto (il 22 settembre), ho custodito gelosamente il biglietto come se fosse stato un tesoro dal valore inestimabile. Non so cosa succeda a voi, ma quando mi capita di avere un biglietto per un concerto così importante ho sempre il timore di perderlo, ho sempre l'impressione che da un momento all'altro non riuscirò più a trovarlo..sono proprio preso male eh?!
Succede sempre quando tengo molto a determinate cose e ho il timore di veder infrangere il mio sogno!
Ma arriva la giornata del debutto di Pino a Cagliari...
Appuntamento all'esterno dell'anfiteatro davanti all'ingresso per i posti in platea..ci ritroviamo io Nino, Susy e la madre.
La serata è stupenda con un clima ancora caldo, l'aria profuma di festa.
Mentre attendo l'apertura dei cancelli, arrivano gruppi di persone di tutte le età. Tra un discorso e l'altro scruto gli sguardi e le espressioni delle persone che si aggiungono in coda.
Chi più chi meno emozionato ma tutti con quell'aria serena, sognante!
Persone che per una sera hanno deciso di lasciare alle spalle i problemi di tutti i giorni e che da lì a poche ore si tufferanno in mondo incantato, in un'atmosfera da brividi, dove la musica e la poesia si sposano per creare un qualcosa che non si può esprimere con le parole, un qualcosa che solo la voce di Pino può regalare!
E' giunto il momento, dopo un labirinto di scale e passaggi giungiamo in platea e ci infiliamo nella sesta fila delle poltroncine per trovare la nostra postazione.
Il palco è immenso davanti a noi e ci troviamo proprio in una posizione centrale, alla giusta altezza..in una posizione veramente ottimale.
A poco a poco la gente si riversa in platea e nelle gradinate degli anelli fino a riempire ogni singolo spazio vuoto.
La vista di quell'anfiteatro così gremito di gente mi emoziona tantissimo e sono fiero che la gente di Cagliari abbia regalato a Pino una cornice così splendida..se la merita tutta!
Sul palco iniziano a vedersi i primi movimenti, persone che vanno e vengono e qualcuno che inizia a prendere posizione accanto agli strumenti.
Dopo un incessante alternarsi di cori, urla e applausi si abbassano le luci.
Partono le prime note...e le luci si riaccendono proiettando fari ed effetti colorati che ci fanno sussultare sulle poltrone..
La musica va sempre in crescendo e ne scaturisce un effetto sonoro chiarissimo, un battito cardiaco..e l'anfiteatro esplode con un boato che mi fa venire la pelle d'oca..
Sono rimasto impietrito, quel battitoo cardiaco si confondeva con il mio, e in quel momento il cuore stava battendo fortissimo..mi sono trovato in una situazione molto strana, non riuscivo ad emettere un filo di voce; è come se tutte le energie me le avessero rubate le emozioni!
Ed eccolo, lui che spunta dal buio e si avvicina verso il centro del palco!
E' un tripudio totale, finalmente anch'io riesco ad urlare e parte così...
"Sai cosa sento quì, quì dentro al mio cuore...."
<CUORE>

Buonasera!
(E inizia a leggere le dediche sugli striscioni, compreso uno di Lagonegro).
Ma che meraviglia! Questo posto è incantevole, e poi con voi dentro è diecimila volte più bello!
Io all'inizio di ogni spettacolo dico una cosa che è quello che ovviamente penso ed è questo:
Io sono ogni volta che salgo, che metto piede su un palcoscenico sono la persona più felice di questo mondo, perchè ovviamente questo è il mio lavoro, quindi voi direte "mi sembra abbastanza normale", ed è normale anche per chi fa questo lavoro salire sul palcoscenico e provare delle belle, forti, intense emozioni. Io spero di provarne tante stasera in questo paio d'ore e passa..
(fiumi di applausi)
..ma spero soprattutto una cosa, di condividere queste emozioni con voi.
Grazie ancora!
<CREDO>
<LEI VERRA'>
Quì come in tanti posti in Italia abbiamo un mare stupendo, bellissimo, però non è questo il mare di cui vorrei parlarvi. Il mare di cui voglio parlare io invece secondo me è un mare che ognuno di noi ha dentro. Questo mare io credo che rappresenti un po la voglia di ognuno di noi di viaggiare no?! Quindi il mare con il suo orizzonte ci fa pensare sempre a questi viaggi pazzeschi, in posti lontanissimi da raggiungere, quindi con delle situazioni in cui c'è una voglia a volte di scappare, di fuggire così da noi stessi e non si sa da che cosa.
Io questo mare penso di raccontarlo in tutte le mie canzoni, quindi in tutte le mie esperienze musicali, ma sicuramente quella che vi racconto adesso è forse quella più precisa..
<MEDITERRANEO>
(Applausi a non finire!!)
(Un violino che mette addosso dei brividi pazzeschi fa una lunga introduzione e poi..)
<COME L'ACQUA>
Questa era ovviamente Come l'acqua, una canzone che io amo parecchio cantare, perchè è una canzone che mi diverte, che è trascinante, divertente musicalmente. Come testo però tratta un tema abbastanza triste come quello della fine di un rapporto, quindi della separazione e la conseguente solitudine.
Invece la canzone che voglio cantarvi adesso secondo me è perfettamente il contrario; è proprio il contrario di Come l'acqua..è l'esaltazione secondo me del rapporto fra due persone.
<AMORE PER TE>
<NELLA MIA CITTA'>
<IO NASCERO'>
Grazie!
E pensare che per quindici anni questa canzone ho deciso di non cantarla..poi ho deciso di farla, chiaramente a modo mio!
Che strano il destino delle canzoni, è veramente una cosa stranissima, un po come il destino delle persone, no?! Quando nasce una persona mica si sa che succederà, come saranno le caratteristiche di questa persona, così pure una canzone!
Una canzone, tu ti metti al pianoforte, scrivi, scrivi questa canzone, butti giù delle idee, delle cose, però mica sai cosa succederà, se piacerà, se incontrerà i favori del pubblico oppure no e..quella che vi vado a proporre adesso, secondo me ha incontrato parecchio il vostro favore.
<LA ROSA DELL'INVERNO>
<SIRTAKI>
<COME MONNA LISA>
A volte nelle interviste, anzi spesso ti chiedono "ma qual'è la canzone che ti piace di più?" Se io scrivo una canzone in un momento particolare, perchè ho voglia di raccontare qualcosa a qualcuno, quel momento così importante non può essere più importante di quello precedente o di quello successivo, cioè mi sembra un po un controsenso questo. Non esiste la canzone che mi piace di più o che mi piace di meno, nascono tutte da quì!
(Indica una mano sul cuore)
Però, se qualcuno dovesse chiedere, qual'è invece la canzone che ti emoziona di più interpretare?
<PRIMAVERA>
<ORO>
(Applausi, applausi e ancora applausi, tutti in piedi...ci abbraccia con le lacrime agli occhi...tenerissimo PINO!)
<GIULIETTA>
(Presentazione dei compagni di viaggio..)
(Un piccolo frammento di..)
<FARE L'AMORE>
<BELLA D'ESTATE>
<NON DORMIRE PIU'>
(Lunghissimo applauso, Pino abbandona il palco e iniziano i cori FUORI, FUORI, FUORI! E poi PINO,PINO, PINO!)
<DOVE VAI>
(Un piccolo frammento di..)
<LUCE> (Dio mio che voce! E' una cosa inspiegabile! Unico!!)
(Ancora un tripudio, l'anfiteatro si scatena con una ola da brividi!)
(E per concludere i bis..)
<AMORE PER TE>
<ORO>

Ho evitato di continuare a scrivere i discorsi di Pino perchè altrimenti la cosa diventava veramente lunghissima.
Che dire? Mi rendo conto che questo frammento di racconto non rende l'idea di quanto può essere emozionante vivere un'esperienza del genere.
Questo mio primo concerto (come spettatore di Mango intendo!), è stato straordinario ma anche quelli che ho visto in seguito non sono stati da meno.
Spero che in futuro ci siano ancora tante esperienze stupende come questa.
Pino sei unico.
Grazie di esistere!!

Franco. :)

Ei Franco ma che è?? Te lo ricordi tutto a memoria??? :lol: :lol: O l'hai ascoltato da un dvd e l'hai trascritto? :lol:

Franco !!! Mi hai emozionata molto con il tuo racconto :oops: ....
E' stato un pò vedere con i tuoi occhi questo concerto, nei dettagli, grazie :D !
L'Anfiteatro di Cagliari ....e Pino!!! Che sogno, da sognare !!!!!


Il mio battito aumentava, leggendo la tua "attesa", e il realizzarsi del tuo sogno !!!! Splendida emozione che accomuna tutti noi !!!
Come te, io provo la tua stessa sensazione: anche con il prezioso tagliando in mano..... :roll: ho sempre il timore che il sogno svanisca !!!!
Meglio sempre stare nel dubbio......
Per poi poter godere appieno di tanta meravigliosa gioia, se ci è concessa :D !!!!! Non sei l'unico... :lol: :lol: :lol:

Grazie :D

franco,ma che meraviglia!
davvero ,ma come fai ha ricordare a distanza di otto anni ogni minimo particolare?
io ero così emozionata e frastornata da tante emozioni che ricordarmele così nitidamente è praticamente impossibile.....di così chiaro ho le prove prima,l'incontro con Pino,invece il concerto è stato un uragano monsonico,in preda ad onde di emozioni indescrivibili............Dio che voglia di quelle emozioni!!!!!!!! :oops:

ciao franco.......raccontati è bello leggerti......

antonella

Eh Tommy?! Ma no!
Ricordare a memoria le parole delle canzoni di Pino è normale, ma ricordare tutte le parole dette ad un concerto è una cosa impossibile!
Certo, ho dovuto riascoltare la registrazione di quella serata..non in dvd purtroppo!

Cosetta, sono felice che la lettura del mio racconto ti abbia emozionato! :)
Non avevo dubbi sul fatto che non ero l'unico ad avere il timore di perdere il biglietto..è una cosa troppo preziosa se pensiamo che ci permetterà di avere davanti a noi il nostro grande artista.
Un forte abbraccio..a presto :P
66 messaggi Pagina 3 di 5

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron