Settore in cui ci si incontra per rievocare i particolari tecnici e musicali, le emozioni e le suggestioni vissute nelle tournèe del passato.
20 messaggi Pagina 1 di 2
Per un attimo avevo anche pensato di restarmene a casa, per questa tosse stizzosa che non mi lascia nemmeno un po’ di respiro quando mi afferra. Poi ho cancellato questa idea balzana dalla mente e mi sono preparata all’evento: pochissimi tiri di sigaretta per non compromettere ancora di più la tenuta del fiato, scelta accurata dell’abbigliamento per evitare raffreddamenti e sudori nocivi.

Arrivati in tempo per le prove, le prove le hanno fatte solo i musicisti. Pino è arrivato per una mezz’oretta a parlare un po’ con noi, amabile e affettuoso come sempre.

Alle nove ho preso posto: seconda fila, secondo quanto avevo “interpretato” dal biglietto. Già nervosetta perché la prima fila all’Augusteo è sempre riservata, cerco di farmene una ragione e mi dico che tutto sommato vedo bene, anche se non mi posso muovere tanto. Dopo un po’ invece arrivano i reali possessori della seconda fila, e scopro che anche questa è riservata. Mi comincia a salire qualche decimo di febbre :oops: (bronchite e rabbia possono fare questo effetto :evil: ), ma mi sposto di un’altra fila all’indietro, pensando che i privilegiati che mi stanno davanti mi sembrano poco, come dire, partecipativi: un concerto intossicato, penso ( così si dice a Napoli quando qualcosa ti va di traverso) :twisted:
Le luci si spengono. Pino entra dal retro, e, arrivato di fronte al palco, una pedana si alza da terra come per magia e lo solleva: bellissimo effetto davvero.
Dopo le prime due canzoni mi accorgo che alcuni posti in prima fila sono liberi: evidentemente i privilegiati hanno declinato l’invito; resisto un altro po’ per decenza, sennò dicono sempre che siamo napoletani, che facciamo i furbi, che non rispettiamo le regole eccetera eccetera :oops:
Ad un certo punto vedo che uno, seduto in prima fila, stanco di tenere il cappotto sulle ginocchia, lo poggia sulla poltrona accanto a sé con un senso di liberazione…non ci ho visto più! Un cappotto che si guarda Pino da vicino e io incatenata in terza fila?? :shock: Con un balzo felino mi sono piombata davanti, seguita a ruota dai miei “compagni di banco”: e dicessero pure che siamo napoletani…tanto non siamo mica a Bolzano! :wink:

E da qui inizia la magia, quella sempre nuova e sempre uguale,
quella che ti pare la prima volta che la vivi e la millesima volta che la respiri,
quella che per tre ore ti fa dimenticare chi sei, cosa fai e come ti chiami, quella che ti trasporta nella favola che amavi ascoltare da bambina, quella che ti regala il sogno che non si avvera,
quella che ti fa desiderare di essere lì e in nessun altro posto.

Poi ti svegli.
E ti accorgi che il sogno non finisce con l’ultima nota.
La Sua musica e la Sua poesia sono sempre con me.
E gli “amori” che grazie a Lui ho incontrato sono le mie finestre di oggi, spalancate sul mio mondo e sul mio cuore.

Grazie non sarà mai abbastanza.


Annapaola

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

aoooooo ma dove siete finiti?
Un teatro pieno e solo Annapaola rivive le maghifiche emozioni di ieri sera?

Immagine


...L'ESSENZA DELLE MIE EMOZIONI...

LELLA (Dado) da Roma mi chiede di postare questo :wink:


"Eccomi tornata a casa...è stato molto...molto...molto....FANTASTICO!!!
Pino...Bello come il Figlio della più bella Primavera...
allegro, fresco e sbarbato come un ragazzino....
stava Bello ieri sera....di un Bello visto mai....e così vicino e felice...
Grandiosa festa per tutto l'Augusteo che cantava e ballava con Lui...
coriandoli, palloncini e striscioni, e gioia dappertutto....
eee sìììììì.....è valsa davvero la felicità e la stanchezza che mi sento addosso oggi :D
GRAZIE INFINITE AL NOSTRO PINO......IMMENSOOOOOOOOO :D !!!!! "

LELLA :D

Grazie delle bellissime foto :D complimenti :wink:

Belle foto, davvero!
Grazie :wink:

Amedea (inattesadel30marzo)

Come tutte le cose belle quando finiscono ti lasciano senza fiato e senza forze!
Coi quadricipiti che ancora mi tremano per lo sforzo e il trapezio che è diventato ormai nu triangolo isoscele mi viene solo da dire che è stato favoloso!!!
Il teatro Augusteo era gremito di gente come avevamo preventivato e l'emozione animava tutti...o quasi visto che i "prescelti"davanti a me per poco non sbadigliavano....MA COME SI PUO' NON SCATENARSI SU CANZONI COME CUORE,TI PORTO IN AFRICA,COME MONNALISA???
Infatti alla morta davanti a me le ho fatto anche il segno della croce come da benedizione e solo per educazione e gentilezza non le ho detto :"Marò ma ti riprendi un po' ?" (tutto ovviamente in perfetto italiano! :wink:
A parte tutto,al mio 41esimo concerto,mi rendo conto che le parole non son mai abbastanza per descrivere ciò che mi accade dentro durante un concerto di Pino!Non so se sono più felice perchè sto con tante persone che amo oppure perchè quando inizia il concerto si abbassano le luci anche su tutto il resto della mia vita e dimentico anche come mi chiamo!

E' stato meraviglioso poter condividere queste emozioni con una delle mie amiche più care e con mio fratello Flavio (con il quale vidi il mio primo concerto anni addietro) che altrimenti avrei rivisto quest'estate!

Pino,rimani sempre il lato più bello delle mie emozioni e con un po' di presunzione (e forse anche di fanatismo) dico che chi non ti ama (davvero) non sa proprio che grande meraviglia si perde!!!

....ma si sa, la Bellezza è riservata a pochi eletti!

Mai potrei ringraziarti abbastanza!

Ci vediamo a Firenze per l'ultima emozione di questo tour sensazionale!

Maura

P.s.:un piccolo appunto che un po' tutti han dimenticato....forse qualcuno dovrebbe imparare ad abbassare la cresta visto che forse se la tira un po' troppo per i gusti miei e di tutti....chi ha orecchie per intendere intenda!

E' stato un incanto ritrovarsi con Pino quasi sdraiato ,accanto a noi(nelle prove ),abbracci e baci .Condividere le stesse emozioni........tutti in uno MANGO,fantastico,,gli amici che ho conosciuto (che solo dal forum ci si scriveva)è stato magnifico.
all'inizio del concerto ,un magnifico tremolio,un fermento che iniziava ancor prima di iniziare,ma quando è entrato Pino(è partito dal fondo del teatro),tutto si è acceso sia in me che in tutti noi,io 63 anni mi sentivo una ragazzina,cantando con Pino al ritmo delle sue parole a musica,le nostre mani si alzavano e si muovevano ,e le nostre voci accompagnavano il suo cantare.Un emozione che molte volte non si riesce a descrivere,ma solo a condividere con tutti....perciò a Firenze ci sarò con Maura Loredana Annamaria e con voi!!!!!!!!!!! :P :wink:

BRIVIDI CON GLI AMORI SON FINESTRE MUSICATA DIVINAMENTE

Immagine

Immagine
20 messaggi Pagina 1 di 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron