Filo diretto tra lo staff, Mango e i fans, notizie di primo piano e piccole curiosità.
48 messaggi Pagina 1 di 4
Esiste un vuoto da cui è difficile partire e in cui è facile arrivare. Un vuoto capace di fermare
i numeri per farli navigare sospesi nell’aria di un affetto e dar loro una progressione diversa, più matura,
più responsabile, più vicina alla coscienza che la notte possiede quando dall’alto guarda il giorno che viene.
Un vuoto possente nel suo macinare il pensiero deluso ed informe, oppure sapiente nel tessere trame
d’orgoglio e di perfezione coerente. Un vuoto di perdizione e di sguardi, di rivoluzioni e contrasti
affamati di malinconiche iperboli nel nostro cercare terreno. Nel nostro saper chiedere terra
al destino dell’essere veri e sani viaggiatori, aggrappati ognuno al filo del proprio oblio e del proprio rifugio,
ognuno al filo del proprio aquilone fatto di carta leggera e sognante, di carta color vita, di color infinito o
colore del vento su cui salire ogni volta che la legge del bene e del male ci rende consapevoli attori delle nostre commedie interiori. Quella terra degli aquiloni che ci vede co-autori dei problemi del cuore e delle edizioni circostanti. Quella terra in cui gli aquiloni sanno volare più in alto dell’anima dando al destino un sorriso più facile da guidare o quella terra in cui gli aquiloni volano sotto le nuvole fino a confondersi con esse per masticarne le forme e tramutarle in pioggia, quella da bere in un sorso di sogno fatto di pensieri e dignità coraggiose.
Ed eccomi qui con voi, amici d’emozione e di equilibrio, a partorire una sete nuova da soddisfare
avvicinandomi al vostro pudore proprio con quel sorso di sogno fatto di pensieri e dignità coraggiose;
di umiltà e di velieri su cui soffiare con forza per portarvi con mano nella sconfinata interiorità di
“ La terra degli aquiloni “. Una terra in cui il sentimento ci osserva con poca attenzione dai balconi della vita
e ci indica frettolosamente i percorsi, in bianco e nero, come in un film muto, a cui dare colore e parola,
come se i pensieri avessero un codice di partenza e le esperienze puntassero il loro dito verso obiettività annebbiate.
Ma io la voglio questa terra e voglio aggrapparmi ad ogni filo che dovesse passare sulla mia testa, affinché io stesso possa condurre ogni aquilone del mio carattere nel punto in cui tutti i caratteri del mondo si riuniscono per decidere ognuno del proprio destino.
Un brano, questo, composto da piccole isole musicali, comunicanti tra loro con piccoli battelli di cori e chitarre
capaci di maturare il suono a tal punto da farlo diventare ritmicamente possente e gravido di un’emozione inversa alla percezione iniziale.
Certo che descrivere un nuovo lavoro discografico è per me come fare un viaggio in una città che conosco bene
ma della quale ho bisogno di scoprire, ancora, gli anfratti, i vicoli meno illuminati, quei luoghi che tentano di nascondersi ai pensieri ma non alle fantasie che nascono da quel saper guardare e sentire che più ci assomiglia,
proprio come ne “ La sposa “, dove i colori a tempera di Pasquale Panella danno spazio al mio foglio e ne fanno afflato di “sangue e d’arena” in cui riuscire a chiudere, come in un pugno chiuso, quegli orizzonti che spesso
si attaccano al cielo, attraverso le cime delle montagne, per sottolineare un respiro più grande alla notte.
Subito dopo le chitarre di Carlo De Bei diventano forza motrice di “ Dignitose arrendevolezze “.
Una forza sonora indeformabile quella di Carlo, su cui le parole e la voce hanno voglia di descrivere
la capacità nostra nel saper osservare la vita come se fosse un anticipo di felicità, dove la forza e
la tempra delle persone in amore riesce a battezzare l’augurio più sano e prezioso che il vento ci possa portare.
Il regalo di un amore mi piace allargarlo su “ Guarda l’Italia che bella “, un pezzo capace di emozionarmi
anche quando non ne ho voglia e lo stesso ho bisogno di dire su “ Dove ti perdo “un altro brano con dentro una sensibilità che mi prende di petto e mi toglie il respiro. Sensibilità portata quasi per mano da un magnifico
Rocco Petruzzi che, con gli archi, ha saputo sfiorare la voce lasciandone intatto il sapore di romanzo d’amore.
Queste due canzoni mi hanno garantito l’esistenza di un programma che in noi prende forma nel dare senso alle piccole storie che danno fiato al nostro universo.
Lo voglio per me questo fiato e lo voglio per tutte le persone che amo, che ho amato e che amerò
come un futuro certo, sensibile al mio raccontare di noi.
Così, in “ Chiamo le cose “, voglio raccontare delle cose che chiamo e che sento che mi chiamano,
come se fossero il mio sguardo più leggero o quello più inquieto, o forse, come se facessero parte di un addio,
di cui presentarne il saluto più cauto e carnale. E qui, le chitarre e gli archi, inseguiti dai cori,
percepiscono il presente come una celebrazione della natura.
Musicalmente tutti questi brani hanno, secondo me, una carnalità passionale e vogliosa di sensi in movimento,
in armonia con gli aquiloni del cuore , quelli che non conoscono interruzioni ma solo crescita emozionale,
proprio come un amplesso maturo del suo desiderio. E quale momento migliore, se non “ Tutto, tutto “ per dare sfogo a questa carnalità passionale e vogliosa di sensi in movimento, brano, questo, che necessita del movimento del corpo per esprimerne la sensualità della vita, mettendone in luce il passionale sudore.
“ Volver “, bellissimo brano di Gardel, che ho voluto inserire in questo disco dopo aver visto il film di Almodovar
in cui la straordinaria Penelope Cruz ne eseguiva uno splendido playback.
Non ho voluto parlare più di canzone, in questo caso, ma di rappresentazione del suono come invenzione del corpo. Invenzione che assume l’aspetto della vocalità mia e delle dita di Flavio Sala, grande chitarrista classico e ne combina i colori più sconosciuti in un viaggio tzigano-andaluso.
E il viaggio continua salendo sulla ferrovia della terra e dell’anima con “ Starlight “in cui la gioia del suonare insieme
si amplifica ascoltando, in jam session, mio figlio Filippo, 16 anni, alla batteria e ai cori Laura e Angelina, 10 anni.
E’ come se il cuore si fermasse per pochi secondi prima di riprendere vita e assecondare la mente.
“ Mi sono fatto forza per coltivare un fiore in mezzo a tanta sabbia nel deserto,
è tutto quanto incerto, incerto e provvisorio, non è consolatorio ma è così.
Non resta che il rifugio in fondo al cuore “.
Grazie a Maurizio Fabrizio e Guido Morra per questo pezzo incredibile.
Grazie a tutti gli amici che hanno avuto voglia di suonare con me: Carlo, Rocco, Pasquale, Nello,
Giancarlo, Paolo, Laura, Angelina e Filippo.
Voglio sposarlo questo disco.
Ne voglio consumare le parti più intime e chiedere al vento se ha voglia di morire come quel
“ Pazzo “ in fondo al cuore.
.....Finalmente Sei Tornato.......
Avevo un bisogno immenso di questo Vento....perchè il Volo della Vita è più bello sei ci sei anche Tu...
Ed io sono già pazza in fondo al cuore.....

Bentornato Pino....

Cosetta
grazie a te..per ogni puzzle della mia vita la tua musica..vita!!
.....meraviglioso....!!!!

ed io voglio aggrapparmi al filo del mio aquilone e
volare con te
più in alto dell'anima.

Angela
Pino, sono emozionatissima! Mi sono appena iscritta al forum! Che strana sensazione... mi sembra quasi di guardarti negli occhi e non riesco a dire niente... Sei l'amore più bello della mia vita...
Caterina
e' con amore, che e' bello inseguire quell'aquilone , certi di non cadere mai!


TVB ROSALIA
E' una di quelle dolci vigilie, cariche di profumi e di attese.
Il primo assaggio di note è uno stuzzicante antipasto che predispone il cuore e la mente a nuovi spazi, ad inaspettati orizzonti, a sospirate mete.
E queste parole di luci, di amori e di voli accrescono la voglia di esserci.
Noi ci siamo.
E Tu con noi.
E noi inseguiremo quell'aquilone x volare più in alto possibile con le tue infinite emozioni che tu,solo tu riesci a darci...



''certi amori non finiscono mai''TI VOGLIO BENE PINO UN ABBRACCIO ANNA :D
Ma io la voglio questa terra e voglio aggrapparmi ad ogni filo che dovesse passare sulla mia testa, affinché io stesso possa condurre ogni aquilone del mio carattere nel punto in cui tutti i caratteri del mondo si riuniscono per decidere ognuno del proprio destino.

Grazie Pino, questa frase mi ha colpito tanto che te la chiedo in prestito, almeno fino a che non avrò vinto la mia battaglia, perchè io la vincerò!!!! Grazie di tutto e grazie di farmi sognare ancora!!!

angi
Leggendo le tue parole ho avuto come la sensazione che mi prendessi per mano e mi portassi con te,per esplorare ogni angolo,ogni intensità di luce,ogni sfumatura,ogni odore,ogni suono di questa terra, indicandomi i fili degli aquiloni ai quali ti sei sempre aggrappato,ai nuovi che sempre incontri.
Ed io mi son sempre fidata di te,mi fido sempre di te e accolgo il tuo cedermi i fili di questi nuovi aquiloni e il tuo concedermi di volare su una terra nuova,col cuore aperto, come solo tu sei capace di spalancare!

Ho bisogno estremo di essere di nuovo ubriaca d'amore!


Grazie Pino!
Bentornato!

Con Amore,Maura
Caro Pino, è un piacere immenso leggerti... La vita è così, è fatta spesso di bianco e nero, dobbiamo essere noi a saper intravedere le sfumature e a cercare i colori, anche quando non ne avremmo voglia e sarebbe più facile lasciarsi andare alla deriva...
Ma poi arriva "quel vento", che soffia così forte che ci riporta alla vita e ci da la forza di continuare a remare, anche controcorrente.
Ognuno ha il suo filo che lo tiene legato alla vita, l'importante è non perderlo e avere la volontà di aggrapparsi ad esso sempre, testardamente e con amore....
Dany, da sempre con te in equilibrio sul filo di un aquilone.....
Ciao Pino volevo aggiungere anch'io un pensiero a questo nuovo cd in uscita, come sempre mi affascina la tua musica le tue parole che sono poesie, ma soprattutto ogni volta che presenti un nuovo disco è sempre più bello. Volevo congratularmi ancora con te per il tuo nuovo sito ufficiale veramente bellissimo. Bellissime parole a questa tua introduzione , caro Pino vorrei dirti che la tua semplicità le tue emozioni la sensibilità ,l'amore le trasmetti tutte quante , almeno per me.
Un Saluto carissimo, con affetto.
Amore per Te
bemtornato Pino!!!.......quanto mancavi......
Tu che dai " senso alle piccole storie che danno fiato al nostro universo",ma ora sei qui a presentaci il tuo volare con gli aquiloni ed è bello,lo è sempre stato,bello e speciale quel accompagnarti con il tuo prendere per mano,è un Noi unico ..lo è per me da sempre per sempre....
grazie Pino per questo tuo dire che ho letto,ma dovrò leggere ancora mille volte per scoprire quel vento che agita e sposta i fili per lasciare vedere la terra di fondo nascosta......

un "a presto!" è quello che mi auguro...

antonella
Grazie Pino!!!.......Bentornato!






Mina
La tua musica è quell'ossigeno che ci fa respirare cose belle e di cui abbiamo bisogno per vivere........

Con affetto

Franco e Donata
48 messaggi Pagina 1 di 4

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron